La geografia di internet. Un mondo sempre più connesso

La geografia di internet. Un mondo sempre più connesso

World >> Attualità

I dati di un mercato in costante crescita

More...
Energia – Puglia, il gasdotto che divide

Energia – Puglia, il gasdotto che divide

Local >> Attualità

La questione TAP, tra i tanti dubbi e i presunti benefici.

More...
I diritti in valigia, al via la campagna di Adiconsum Verona a tutela del viaggiatore

I diritti in valigia, al via la campagna di Adiconsum Verona a tutela del viaggiatore

Local >> Attualità

Davide Cecchinato, presidente di Adiconsum Verona, ci spiega i diritti di chi acquista pacchetti turistici e voli aerei

More...
Matt Bomer, il primo grande ospite del GFF

Matt Bomer, il primo grande ospite del GFF

Performances >> Cinema

L'attore di Magic Mike e della serie White Collar racconta i propri progetti per il futuro

More...
Sguardo a Oriente - Intervista a Filippo Garini

Sguardo a Oriente - Intervista a Filippo Garini

Interviews >> Interviste

Un professore universitario specializzato in Green Economy ci racconta la sua passione per le arti marziali e la medicina cinese

More...
Frontpage Slideshow | Copyright © 2006-2010 JoomlaWorks, a business unit of Nuevvo Webware Ltd.

Swan Lake di Matthew Bourne: il classico diventa attuale

Martedì 18 Novembre 2014 16:18 Chiara Pedretti Performances - Danza

SwanLake110 phHelen MaybanksMilano invasa dai cigni: è così che si presenta la capitale lombarda in questo mese di novembre, che vede per la seconda volta in città, la prima nel 2010, al Teatro degli Arcimboldi, un fenomeno mondiale: Swan Lake di Matthew Bourne, ossia una versione tutta al maschile del classico dei classici, Il Lago dei Cigni.

Ultimo aggiornamento ( Martedì 18 Novembre 2014 20:23 )
 

Who is Martin Schoeller?

Sabato 15 Novembre 2014 20:54 Martina Serena Franchetti Arts & Publishing - Arte

alt

Chi è Martin Schoeller? Probabilmente questo nome non vi dirà nulla, come capita per la maggior parte degli artisti che parlano per immagini, ma certamente le sue foto sono molto eloquenti. Classe 1968, monachese di nascita, ma newyorkese d'adozione, Martin è uno degli artisti più apprezzati e apprezzabili nell'ambiente della fotografia contemporanea. Conosciuto soprattutto per il suo stile che si distingue per l'uso di primi piani iper-dettagliati, tonalità, luce e sfondi, Schoeller ha incorniciato i suoi lavori nelle copertine dei magazine più importanti al mondo. National Geographic Magazine, The New Yorker, Time e GQ sono solo alcune delle riviste che hanno scelto le pellicole di Schoeller per parlare al loro pubblico.

Ultimo aggiornamento ( Martedì 18 Novembre 2014 09:43 )
 

Calcio - Champions League, la Signora col brivido

Mercoledì 05 Novembre 2014 21:12 Andrea Secco Sport - Calcio

La Juventus di Max Allegri conquista in rimonta tre punti fondamentali contro un cinico Olympiakos. Il discorso qualificazione resta aperto, ma il rigore fallito da Vidal allo scadere può pesare come un macigno.

 

#Dysturb. Perchè una fotografia non può mentire

Mercoledì 05 Novembre 2014 15:45 Martina Serena Franchetti Arts & Publishing - Arte

Esiste un progetto, sparso per il mondo, che racconta storie senza voce. Le strade, gli urban space della cultura main stream, i muri abbandonati e i graffiti scoloriti diventano il salotto iconografico di realtà catturate in pellicola. #Dysturb è il nuovo cantastorie di quelle favole che nessuno vuole ascoltare. Disagi, conflitti, guerre, deturpazioni ambientali, i malanni del nostro dannato mondo narrati in silenzio da fotoreporter e esposti nelle gallerie più importanti: l'asfalto delle nostre città.

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 06 Novembre 2014 20:35 )
 

Bujuck: “Le guerrigliere curde non abbandonano mai il fronte”

Domenica 16 Novembre 2014 15:21 Nicole Di Ilio World - Attualità

BujuckBujuck lotta contro l’Isis. Lei è un’attivista del movimento delle guerrigliere curde e, fino a pochi giorni fa, ha vissuto sul confine turco-siriano in un villaggio a pochi kilometri da Kobane. I curdi non hanno uno Stato riconosciuto ma quelli che loro chiamano Kurdistan si estende tra Iran, Iraq, Turchia e Siria. Kobane si trova nella regione di Rojawa, a nord della Siria, dove i curdi vivono in totale democrazia. Lei, fiera delle sue donne, racconta l'importante ruolo delle guerrigliere curde nel difendere la città dalla barbarie delle milizie nere del califfato e dalle truppe dell'Isis.

Ultimo aggiornamento ( Martedì 18 Novembre 2014 09:46 )
 

Calcio - Champions League, la Roma si inchina al Bayern Monaco

Giovedì 06 Novembre 2014 22:27 Daniele Nicolini Sport - Calcio

Il risultato finale è meno punitivo, ma il verdetto è lo stesso. Questo Bayern è troppo superiore a una Roma raramente pericolosa. Al 90’ il tabellone dell’Allianz Arena indica 2-0 e sancisce il primato nel girone degli uomini di Guardiola, ma Garcia festeggia comunque grazie alla vittoria del CSKA in casa del Manchester City. I giallorossi rimangono al secondo posto e si giocheranno la qualificazione nei due match restanti.

 

#Dysturb. Because a photograph can't lie

Mercoledì 05 Novembre 2014 16:22 Martina Serena Franchetti Arts & Publishing - Arte

There is a project, around the world, that tells stories without voice. The streets, the urban space of the main stream culture, the abandoned walls and the faded grattifi become the iconographic living room of the reality captured in a film. #Dysturb is the new storyteller of the those fairy tales that none wants hear. Conflicts, wars, social and environmental issues, the ailments of our damned world told in silence by the photojournalists and exhibit in the most important gallery: the asphalt of our cities.

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 06 Novembre 2014 20:37 )
 

Iran, Reyhaneh Jabbari: diritti umani appesi ad una corda

Venerdì 31 Ottobre 2014 00:00 Nicole Di Ilio World - Attualità

rayhaneh jabbariLa mobilitazione del mondo e gli appelli per fermare l’esecuzione non sono bastati. Reyhaneh Jabbari è stata impiccata. A 26 anni, in Iran. In un paese in cui la pena di morte miete vittime. La giovane iraniana  fu arrestata nel 2007 per l’omicidio di Morteza Abdolali Sarbandi, un ex impiegato del ministero dell'Intelligence iraniana, che tentò di stuprarla. La donna confessò l’omicidio subito dopo l’arresto e dichiarò di aver agito per autodifesa. Ma non le fu consentito di avvalersi di un avvocato durante la deposizione e, due anni dopo, nel 2009,  venne condannata a morte dalla Corte criminale di Tehran. La sentenza fu poi confermata dalla Corte Suprema pochi mesi dopo. L'Alto commissariato per i diritti umani dell'Onu aveva denunciato che il processo non avere tenuto conto della legittima difesa.

Ultimo aggiornamento ( Lunedì 03 Novembre 2014 21:42 )
 
Senza fine. Non è Gino Paoli. E' il Drago di Arcore

FusiOrari TV

Il Sondaggio

Quale, tra questi, è il film più bello di Stanley Kubrick?







La Vignetta

Login



PhotoGallery

  • Galleria
  • Galleria
  • Galleria
  • Galleria
  • Galleria
  • Galleria
  • Galleria
  • Galleria

Editoriali

L'Italia al palo Crisi tra ripresa invisibile e false promesse
Martedì 19 Novembre 2013
Immagine
La ripresa annunciata dal ministro del Tesoro, Fabrizio Saccomanni, non l’abbiamo vista. I problemi sono ancora tutti lì, fermi e presenti. Gli acquisti non ripartono, gli investimenti sono al palo. La crisi c’è.  E, soprattutto, pesa. Dal 2008 oltre 11 mila aziende sono fallite e gli investimenti sono diminuiti del 26,2%. I prestiti alle imprese sono calati di 100 miliardi e il costo del denaro è sempre più alto. Leggi tutto...
In risposta ai McLavori, una resistenza gentile
Sabato 28 Settembre 2013
Immagine
Li chiamano McJob, sono i lavori “poco prestigiosi e con poche possibilità di carriera”, spesso senza stimoli, quasi sempre sottopagati, che richiedono scarse competenze e non presuppongono un impegno duraturo. Il termine, che prende il suffisso dalla famosa catena di fast food McDonald's, è una delle famose “McWords”, una serie di neologismi che utilizza, appunto, il prefisso Mc per sminuire, o comunque rivedere al ribasso, le qualità di un prodotto o di una persona. Leggi tutto...
Fame Zero, esiste un modo per salvare il mondo
Domenica 21 Luglio 2013 Martina Serena Franchetti
Immagine
Nei giorni scorsi il Brasile è stato scosso da un’ondata oceanica di proteste, le più partecipate degli ultimi vent’anni. Centinaia di migliaia di brasiliani sono scesi in piazza per manifestare contro il rincaro dei prezzi, le acute disuguaglianze tra ricchi e poveri e tutte le piaghe che continuano ad affliggere quella che si sta attestando come una delle maggiori economie emergenti. Rio de Janeiro è stata teatro dell'ennesima dimostrazione di insoddisfazione e disagio del popolo dai tanti colori. Eppure il governo brasiliano qualcosa ha fatto e continua a fare per porvi rimedio. Era l'ormai lontano 2003 quando l'allora presidente del Brasile Luiz Inácio Lula de Silva lanció il programma Fame Zero: un progetto concreto, attuato con l'obiettivo di sradicare la fame e la povertà in Brasile. Leggi tutto...

Il Meteo