Charlie Hebdo. E' l'informazione a renderci liberi

Charlie Hebdo. E' l'informazione a renderci liberi

World >> Attualità

Un commento sull'attentato di Parigi

More...
Energia – Puglia, il gasdotto che divide

Energia – Puglia, il gasdotto che divide

Local >> Attualità

La questione TAP, tra i tanti dubbi e i presunti benefici.

More...
Difret, il coraggio di cambiare

Difret, il coraggio di cambiare

Performances >> Cinema

Il film co-prodotto da Angelina Jolie sul grande schermo dal 22 gennaio

More...
I diritti in valigia, al via la campagna di Adiconsum Verona a tutela del viaggiatore

I diritti in valigia, al via la campagna di Adiconsum Verona a tutela del viaggiatore

Local >> Attualità

Davide Cecchinato, presidente di Adiconsum Verona, ci spiega i diritti di chi acquista pacchetti turistici e voli aerei

More...
Sguardo a Oriente - Intervista a Filippo Garini

Sguardo a Oriente - Intervista a Filippo Garini

Interviews >> Interviste

Un professore universitario specializzato in Green Economy ci racconta la sua passione per le arti marziali e la medicina cinese

More...
Frontpage Slideshow | Copyright © 2006-2010 JoomlaWorks, a business unit of Nuevvo Webware Ltd.

The Poor Rich. Krydy is back.

Mercoledì 22 Luglio 2015 17:44 Martina Serena Franchetti Arts & Publishing - Arte

Con “The daily duty” aveva destato interesse e curiosità, con “The poor rich” conquisterà la nostra completa attenzione. Cristina Guggeri, in arte Krydy, pubblica un nuovo progetto artistico tagliente, ironico e paradossale. Se “The daily duty” voleva trasmettere il sublime messaggio del “dover quotidiano” che i potenti del mondo hanno nei confronti delle persone che sono chiamati a guidare e proteggere, “The poor rich” è l'iperbolica trasposizione della realtà attuale.

 

Accordo Grecia-UE, l'atto della dipartita della democrazia

Martedì 14 Luglio 2015 00:00 Nicole Di Ilio World - Politica

Il leader dei falchi dell’Eurogruppo, Wolfgang Schaeuble, ha definito l’Ue "prototipo unico al mondo di governance globale". Peccato, però, che le politiche messe in atto nei Palazzi di Bruxelles contribuiscano a solcare la distanza tra il mondo reale e quello di chi si arroga la presunzione di risolvere, con queste regole, i problemi della Grecia. Il ministro tedesco capirà, dunque, se ad Atene lo vedranno come un novello Führer.

Ultimo aggiornamento ( Lunedì 20 Luglio 2015 09:46 )
 

Maria Giulia Sergio, la prima lady Jihad

Mercoledì 01 Luglio 2015 00:00 Nicole Di Ilio Local - Attualità

Ventotto anni, italiana, convertita all'Islam. Maria Giulia Sergio non esiste più. Al suo posto c'è Fatima Az Zahra. È prima lady Jihad.Dallo scorso anno ha fatto perdere le tracce, dovrebbe aver raggiunto i combattenti della guerra santa in Siria. In casa sono rimaste la sorella e la madre velata di nero, che dice "non è in Siria, la sentiamo continuamente", e se le telecamere le chiedono perché si è convertita dice che "Allah è grande e Maometto è il suo profeta".

Ultimo aggiornamento ( Martedì 07 Luglio 2015 19:45 )
 

Usa, Russia, e la deterrenza nucleare. La Bomba torna in cima all'agenda geopolitica

Lunedì 29 Giugno 2015 18:32 Demetrio Zavettieri World - Politica

Nel caos globale che caratterizza l'epoca attuale, in un contesto geopolitico in profondo mutamento dove la sicurezza viene continuamente minacciata su più fronti, torna a farsi strada il concetto di deterrenza nucleare. Un termine che rimanda al periodo della Guerra Fredda ma con le dovute differenze, soprattutto se si pensa al modello multipolare del sistema globale di oggi e all'interdipendenza degli attori in campo.

Ultimo aggiornamento ( Martedì 07 Luglio 2015 19:46 )
 

Europa, l'abolizione del roaming favorirà il mercato unico digitale

Venerdì 17 Luglio 2015 20:36 Demetrio Zavettieri World - Economia

Il recente accordo UE, raggiunto dopo circa un anno e mezzo, prevede l'abolizione del roaming a partire da metà giugno 2017, con un taglio dei costi previsto per aprile del 2016. L'intesa raggiunta rappresenta un importante passo in avanti verso la realizzazione del mercato unico digitale, in cui si ribadisce il principio di neutralità della rete, garantendo a ogni cittadino europeo il diritto di accedere liberamente a Internet. Gli operatori dovranno trattare in modo equo tutto il traffico sul web, consentendo il rallentamento di alcuni servizi solo in casi limitati come per esempio un cyber attacco o se si congestiona la rete.

Ultimo aggiornamento ( Lunedì 20 Luglio 2015 09:44 )
 

Vi presento SENSE8

Domenica 05 Luglio 2015 18:51 Martina Serena Franchetti Performances - Cinema

Preparate i pop corn, arriva in Italia la televisiva opera prima dei Wachowski. Si intitola “Sense8” è farà il suo ingresso nelle nostre case in contemporanea con il debutto di Netflix il prossimo ottobre. Ormai è assodato, questa è l'età della buona televisione, di quella raffinatamente impegnata, di quella tecnicamente audace, di quella dalle sceneggiature pregiate e, diciamolo, le belle storie non sono mai abbastanza. Ergo, prendete carta e penna, questo è un promemoria da aggiungere al frigo per il ritorno dalle vacanze.

Ultimo aggiornamento ( Martedì 07 Luglio 2015 19:43 )
 

La Grecia verso il referendum: «Greci, votate no»

Martedì 30 Giugno 2015 00:00 Nicole Di Ilio World - Politica

Domenica 5 luglio si farà la storia: in Grecia si terrà un referendum sulle più recenti proposte dei creditori internazionali per affrontare la crisi economica del paese. La consultazione è stata indetta dal governo di Alexis Tsipras, che ha rifiutato di accettare le ultime condizioni poste dall’Unione Europea chiedendo alla popolazione di esprimersi, e facendo campagna per il “No”.

Ultimo aggiornamento ( Martedì 07 Luglio 2015 19:44 )
 

Milano Expo 2015, non solo cibo

Mercoledì 17 Giugno 2015 18:35 Martina Serena Franchetti Local - Attualità

Come ogni grande evento che si rispetti, che sia il festival di Sanremo, i mondiali di calcio o la sagra della salsiccia, nulla è degno di nota, qui in Italia, se non è accompagnato dalla giusta attenzione polemico-mediatica. Ma l'esposizione universale del cibo è ciò che sarebbe dovuta essere: l'esposizione universale del cibo. Certo, ciascuno con i propri mezzi, ciascuno come le proprie risorse. Ma se c'è una certezza alle spalle dell'Expo Milano 2015, è che nessun luogo sarebbe stato più adatto, nessuno stato più competente, nessuna nazione più coinvolta. Perchè, diciamolo, il cibo, qui da noi, non è mai solo cibo.

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 18 Giugno 2015 12:25 )
 
Senza fine. Non è Gino Paoli. E' il Drago di Arcore

FusiOrari TV

Il Sondaggio

Quale, tra questi, è il film più bello di Stanley Kubrick?







La Vignetta

Login



PhotoGallery

  • Galleria
  • Galleria
  • Galleria
  • Galleria
  • Galleria
  • Galleria
  • Galleria
  • Galleria

Editoriali

L'Italia al palo Crisi tra ripresa invisibile e false promesse
Martedì 19 Novembre 2013
Immagine
La ripresa annunciata dal ministro del Tesoro, Fabrizio Saccomanni, non l’abbiamo vista. I problemi sono ancora tutti lì, fermi e presenti. Gli acquisti non ripartono, gli investimenti sono al palo. La crisi c’è.  E, soprattutto, pesa. Dal 2008 oltre 11 mila aziende sono fallite e gli investimenti sono diminuiti del 26,2%. I prestiti alle imprese sono calati di 100 miliardi e il costo del denaro è sempre più alto. Leggi tutto...
In risposta ai McLavori, una resistenza gentile
Sabato 28 Settembre 2013
Immagine
Li chiamano McJob, sono i lavori “poco prestigiosi e con poche possibilità di carriera”, spesso senza stimoli, quasi sempre sottopagati, che richiedono scarse competenze e non presuppongono un impegno duraturo. Il termine, che prende il suffisso dalla famosa catena di fast food McDonald's, è una delle famose “McWords”, una serie di neologismi che utilizza, appunto, il prefisso Mc per sminuire, o comunque rivedere al ribasso, le qualità di un prodotto o di una persona. Leggi tutto...
Fame Zero, esiste un modo per salvare il mondo
Domenica 21 Luglio 2013 Martina Serena Franchetti
Immagine
Nei giorni scorsi il Brasile è stato scosso da un’ondata oceanica di proteste, le più partecipate degli ultimi vent’anni. Centinaia di migliaia di brasiliani sono scesi in piazza per manifestare contro il rincaro dei prezzi, le acute disuguaglianze tra ricchi e poveri e tutte le piaghe che continuano ad affliggere quella che si sta attestando come una delle maggiori economie emergenti. Rio de Janeiro è stata teatro dell'ennesima dimostrazione di insoddisfazione e disagio del popolo dai tanti colori. Eppure il governo brasiliano qualcosa ha fatto e continua a fare per porvi rimedio. Era l'ormai lontano 2003 quando l'allora presidente del Brasile Luiz Inácio Lula de Silva lanció il programma Fame Zero: un progetto concreto, attuato con l'obiettivo di sradicare la fame e la povertà in Brasile. Leggi tutto...

Il Meteo