Frontpage Slideshow | Copyright © 2006-2010 JoomlaWorks, a business unit of Nuevvo Webware Ltd.

Visco attacca gli imprenditori: “Investite di più”

Mercoledì 16 Aprile 2014 15:58 Nicole Di Ilio Local - Economia

visBasta bugie sui dati distorti della realtà imprenditoriale di questo Paese. Non è vero che ci sarà una ripresa economica. Non è vero che la crisi è finita. E, soprattutto, non è vero che gli imprenditori sono rigidi e frenano lo sviluppo. Secondo il numero uno di Bankitalia, Ignazio Visco, le rigidità legislative, imprenditoriali e sindacali frenano lo sviluppo del nostro Paese. L’inquilino di Palazzo Koch precisa che «la nostra economia ha subito un ferita». D’accordo. Ma, aggiunge che per restituirle vigore «occorrerà incrementare la produttività aziendale». Insomma, Visco vorrebbe imprenditori pronti, «con risorse proprie», a dimostrare fiducia nelle proprie imprese. D’altronde, ci sono «segni di ripresa». Parola del governatore della Banca d’Italia. Ma, caro Visco, dove sono i segnali della ripresa?

 

Calcio - Champions League, impresa Blues, paura Real

Mercoledì 09 Aprile 2014 10:56 Andrea Secco Sport - Calcio

Il vate di Setubal riesce nell'impresa di rimontare lo svantaggio ai danni del PSG e, a tre minuti dal termine, conquista la semifinale. Il Real Madrid perde 2-0 a Dortmund ma strappa, non senza paura, il pass per il turno successivo.

 

Excalibur, la caduta di Re Artù

Lunedì 07 Aprile 2014 15:22 Chiara Pedretti Performances - Teatro

EXCALIBUR02Al Teatro Della Luna, da sempre palcoscenico di spettacoli di livello, è andato in scena Excalibur – La Spada Nella Roccia, musical decisamente deludente.

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 09 Aprile 2014 19:04 )
 

Grandissima danza fra piume bianche e nere

Lunedì 31 Marzo 2014 16:51 Chiara Pedretti Performances - Danza

C01A Milano, al Teatro Della Luna, è andato in scena un galà di danza classica di altissimo livello: Gran Galá Il Cigno Nero. Difficile vedere negli ultimi tempi uno spettacolo di tale livello a Milano: chiuso il Teatro Smeraldo, con qualche eccezione al Teatro degli Arcimboldi, ormai la danza classica è praticamente esclusiva del Teatro Alla Scala, cui si conoscono gioie (poche) e dolori (molti) del Corpo di Ballo e i cui ospiti, da alcuni anni a questa parte, sono sempre gli stessi e quasi sempre russi. Per fortuna Daniele Cipriani, che da anni diffonde la danza di qualità, ha riunito qualche étoile internazionale ed un gruppo di giovani promesse dando vita a Gran Galà Il Cigno Nero, una rassegna a tema cigno; stelle della serata, ben visibili anche in locandina, Ashley Bouder e Giuseppe Picone.

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 03 Aprile 2014 17:04 )
 

Calcio - Champions League, Atletico Madrid in paradiso

Giovedì 10 Aprile 2014 17:39 Andrea Secco Sport - Calcio

La squadra di Simeone liquida il Barcellona e approda in semifinale assieme al Bayern Monaco, sconfitto il Manchester United.

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 10 Aprile 2014 17:44 )
 

Gran Galà Il Cigno Nero, intervista ai protagonisti

Lunedì 07 Aprile 2014 16:37 Chiara Pedretti Interviews - Interviste

JOAQUINIn occasione de Gran Galà Il Cigno Nero, abbiamo incontrato i protagonisti, le étoiles Giuseppe Picone, Joaquín De Luz ed Ashley Bouder, oltre alle giovani promesse italiane Marianna Suriano, Flavia Stocchi e Giorgia Calenda. Li andiamo a trovare nei camerini del Teatro della Luna ad Assago, appena fuori Milano, prima dello spettacolo.

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 09 Aprile 2014 19:06 )
 

"Rugantino", 52 anni portati benissimo

Giovedì 03 Aprile 2014 17:07 Chiara Pedretti Performances - Teatro

DSC 0672Torna a Milano, al Teatro degli Arcimboldi, un classico della commedia musicale italiana: Rugantino, scritta da Garinei e Giovannini, Pasquale Festa Campanile, Massimo Franciosa, con la collaborazione artistica di Luigi Magni, e le musiche di Armando Trovajoli.

Ultimo aggiornamento ( Sabato 05 Aprile 2014 15:03 )
 

Internet e sicurezza nella comunità europea, ecco come ci comportiamo

Lunedì 31 Marzo 2014 16:08 Demetrio Zavettieri World - Attualità

eu Un’indagine di Eurobarometer - che monitora l'evoluzione dell'opinione pubblica per conto della Commissione Europea - basata su un sondaggio del 2013, mostra quanto gli utenti di internet siano preoccupati per la sicurezza informatica: quasi nove su dieci evitano di rivelare informazioni personali online e il 76% degli intervistati concorda sul fatto che il rischio di diventare vittima del cybercrime sia aumentato nell'ultimo anno. In questo articolo proviamo a sviscerare i dati, i numeri e le percentuali che rivelano il nostro comportamento in rete.

Ultimo aggiornamento ( Lunedì 31 Marzo 2014 16:23 )
 
Senza fine. Non è Gino Paoli. E' il Drago di Arcore

FusiOrari TV

Il Sondaggio

Quale, tra questi, è il film più bello di Stanley Kubrick?







La Vignetta

Login



PhotoGallery

  • Galleria
  • Galleria
  • Galleria
  • Galleria
  • Galleria
  • Galleria
  • Galleria
  • Galleria

Editoriali

L'Italia al palo Crisi tra ripresa invisibile e false promesse
Martedì 19 Novembre 2013
Immagine
La ripresa annunciata dal ministro del Tesoro, Fabrizio Saccomanni, non l’abbiamo vista. I problemi sono ancora tutti lì, fermi e presenti. Gli acquisti non ripartono, gli investimenti sono al palo. La crisi c’è.  E, soprattutto, pesa. Dal 2008 oltre 11 mila aziende sono fallite e gli investimenti sono diminuiti del 26,2%. I prestiti alle imprese sono calati di 100 miliardi e il costo del denaro è sempre più alto. Leggi tutto...
In risposta ai McLavori, una resistenza gentile
Sabato 28 Settembre 2013
Immagine
Li chiamano McJob, sono i lavori “poco prestigiosi e con poche possibilità di carriera”, spesso senza stimoli, quasi sempre sottopagati, che richiedono scarse competenze e non presuppongono un impegno duraturo. Il termine, che prende il suffisso dalla famosa catena di fast food McDonald's, è una delle famose “McWords”, una serie di neologismi che utilizza, appunto, il prefisso Mc per sminuire, o comunque rivedere al ribasso, le qualità di un prodotto o di una persona. Leggi tutto...
Fame Zero, esiste un modo per salvare il mondo
Domenica 21 Luglio 2013 Martina Serena Franchetti
Immagine
Nei giorni scorsi il Brasile è stato scosso da un’ondata oceanica di proteste, le più partecipate degli ultimi vent’anni. Centinaia di migliaia di brasiliani sono scesi in piazza per manifestare contro il rincaro dei prezzi, le acute disuguaglianze tra ricchi e poveri e tutte le piaghe che continuano ad affliggere quella che si sta attestando come una delle maggiori economie emergenti. Rio de Janeiro è stata teatro dell'ennesima dimostrazione di insoddisfazione e disagio del popolo dai tanti colori. Eppure il governo brasiliano qualcosa ha fatto e continua a fare per porvi rimedio. Era l'ormai lontano 2003 quando l'allora presidente del Brasile Luiz Inácio Lula de Silva lanció il programma Fame Zero: un progetto concreto, attuato con l'obiettivo di sradicare la fame e la povertà in Brasile. Leggi tutto...

Il Meteo